Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

ANPI logoNel 2015, in occasione del 70simo anniversario della Liberazione dal regime nazifascista, sarà inaugurato presso il Parco di Monza - in prossimità di Villa Mirabellino - il Bosco della Memoria, memoriale dedicato ai deportati politici e razziali monzesi durante la Seconda Guerra Mondiale, un progetto curato e finanziato dall’ANED (Associazione Nazionale ex Deportati), con il patrocinio del Comune di Monza.

Dopo anni di preparazione e di ricerca dei finanziamenti necessari alla sua realizzazione, prende forma un ambizioso progetto di recupero e valorizzazione di un pezzo significativo della storia locale, fino ad ora privo di un luogo di ricordo e visibilità in città.

Ad ogni deportato nei campi di concentramento e sterminio nazifascisti verrà dedicato un albero. Il bosco diventerà così luogo di memoria e testimonianza storica delle vicende biografiche di circa novanta cittadini monzesi, in gran parte operai e antifascisti, che pagarono con la deportazione il proprio impegno contro il Regime.

Il Bosco della Memoria sarà un luogo vivo e frequentato, attraversato sia da semplici visitatori sia da scolaresche e gruppi organizzati che seguiranno percorsi didattici ad esso connesso.

In previsione e preparazione di tale importante evento - il cui progetto verrà ufficialmente presentato al pubblico il 21 gennaio 2015 al Teatro Binario 7 - le Associazioni partigiane promotrici  hanno pensato di sensibilizzare la cittadinanza sui temi della Deportazione, proponendo ad associazioni, istituti scolastici e singoli cittadini di realizzare alcune istallazioni urbane dedicate ai singoli deportati da distribuire in luoghi pubblici cittadini (sia interni che esterni, come biblioteche, uffici comunali, piazze, strade pedonali) a partire da sabato 24 gennaio 2015.

Nello specifico, in linea con l’idea progettuale che ha dato origine al Bosco della Memoria, si propone di realizzare, nelle forme e con i materiali che ciascuno preferirà utilizzare, alberi “artificiali” che, diffusi in città, diventino ambasciatori della prossima inaugurazione del Bosco e, allo stesso tempo, testimonianze dirette, artisticamente reinterpretate, delle biografie dei nostri concittadini deportati o in generale del fenomeno della Deportazione.

In questo modo si intende “portare” il Bosco in città e favorire, attraverso la visibilità che le opere daranno dell’inaugurazione del memoriale, le visite da parte dei monzesi al Bosco della Memoria nel Parco.

L’iniziativa “Il Bosco della memoria” è promossa da: ANED di Monza e Sesto San Giovanni, in collaborazione con ANPI Monza sezione “G. Citterio” e FOA Boccaccio 003.

Per Info e contatti

Paolo Pioltelli

3294738709

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?