Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

biciclettataSabato 4 Maggio 50 mila ciclisti ma anche pedoni e pendolari hanno invaso Milano per modificare l’attuale situazione della mobilità, cristallizzata nella mobilità privata a motore.

Una nutrita presenza anche quella sempre allegra e colorata degli amici di Monza in Bici associati alla Fiab.

Cittadini che hanno ormai  deciso che la bicicletta, piuttosto che l’andare a piedi o con i mezzi pubblici è più economico, salutare e in linea con le attuali esigenze di conservazione dell’ambiente.

La riuscitissima manifestazione è stata l’occasione per presentare e sostenere un disegno di legge  che prevede una progressiva riduzione della modalità auto privata, limiti nei centri urbani a 30 km/h, canalizzando le risorse dove vi sono maggiori richieste.

Invece le Amministrazioni pubbliche sembrano non ancora sensibili a queste esigenze e continuano a progettare strade (specialmente a livello regionale e nazionale).

Massimo Benetti “portavoce” di Monza in Bici ha colto l’occasione per ricordarci che anche a Monza sarebbe ora di passare dai proclami alle azioni concrete, perché ad un anno dall’insediamento di questa giunta, non ci sono stati progressi pratici a favore della mobilità ciclistica.

Per tutte le info dell’in iniziativa e disegno di legge

http://www.mobilitanuova.it/

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?