Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

giovaniLa Carovana Internazionale Antimafie, ha fatto tappa a Monza martedì 5 aprile. Si è fermata nel pomeriggio alla Camera del Lavoro, per incontrare chi nella nostra provincia lavora per educare alla legalità.

Una volta all'anno, la Carovana della Legalità si mette in moto e ha l'obiettivo di mettere in contatto realtà diverse che si organizzano contro le mafie e la corruzione: le iniziative , appunto, fanno carovana.

Nell'edizione del 2011, la carovana ha già percorso più di 2000 chilometri e transiterà a breve anche in Francia, Svizzera, Serbia e Bosnia, vista la sponsorizzazione ottenuta dall'Unione Europea.

Presenti all'incontro soprattutto docenti, educatori, formatori, studenti ed associazioni, oltre alle organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL.

Nei numerosi interventi, si è voluto soprattutto sottolineare il compito fondamentale dell'Educare alla Legalità i giovani come gli adulti.

Molto interessanti gli interventi di professori che hanno sperimentato percorsi formativi in Istituti Onnicomprensivi e Scuole Superiori della Brianza, come quello di un gruppo di ragazzi di un liceo scientifico che ha raccontato l'esperienza di partecipazione alla manifestazione nazionale di Libera a Potenza, realizzata su proposta di un professore.

Educare ed educarsi alla legalità costituzionale, perché la legge è forte se diventa forza per i cittadini, se serve a realizzare i principi della nostra Costituzione.

Su questo principio è importante muoversi oggi in Lombardia, dove è stata appena approvata una legge per l'educazione alla legalità che stanzia 500.000 Euro a questo fine. E' un importo veramente significativo e sarà necessario vigilare sulla destinazione.

Dall'intervento di un sindacalista una notizia in anteprima: quest'anno la piazza del 1 maggio in Brianza sarà dedicata alla Legalità.

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?