Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

Quest'anno il Primo maggio rischia di scivolarci addosso, complice la collocazione nel fine settimana. Per la verità vi sono motivi più seri, ad esempio il fatto che la città di Monza sia stata tra le prime a concedere l'apertura in deroga degli esercizi commerciali, ma anche perché tendiamo a stili di vita sempre più omologati. Rinunciare ad un momento dedicato alla persona è sempre un errore.

Viviamo giorni sempre più uguali con il rischio di cancellare le conquiste civili e vivere momenti importanti con meno passione e meno speranze. Proprio a questo proposito insieme al gruppo consiliare e alla segreteria provinciale del PD abbiamo deciso di scrivervi per dirvi anzitutto che vogliamo essere al fianco di chi si impegna a difendere i diritti del lavoro di donne e uomini.

Siamo fortemente convinti che in Brianza, dove il lavoro ha dimensioni qualitative e culturali importanti, si dovrebbe fare di più. Vogliamo rilanciare il dialogo in questa nostra Provincia con voi e gli imprenditori, grandi e piccoli. Una discussione che riguarda le prospettive del lavoratori in crisi, del fare impresa in Brianza, dei giovani, di chi vive una vita da precario, di chi è costretto alla disoccupazione, di chi è sfruttato, italiano o straniero che sia.

Per questo motivo vogliamo che le proposte da noi fatte in Consiglio provinciale, davanti a tutti, possano diventare azioni concrete che migliorano la qualità della vita delle persone. Anche perché se la nuova Provincia non sarà in grado di tradurre in fatti concreti le molte parole che circolano e che spesso si sprecano o si sono già sprecate, e ad essere un momento di incontro e di proposta utile a tutti i cittadini crediamo proprio che non riuscirà ad entrare nel cuore dei brianzoli.

Di seguito troverete un pacchetto di proposte che abbiamo già avanzato in Consiglio provinciale con un ordine del giorno. Sono diverse e tutte realizzabili rapidamente. Sono proposte animate da uno stesso principio: non lasciare solo nessuno.

Buon Primo maggio!

 

Gigi Ponti, Capogruppo PD Consiglio provinciale Monza e Brianza -

Enrico Brambilla, Segretario provinciale PD Monza e Brianza

 

 

Le proposte del Pd in Provincia di Monza e Brianza

· Istituzione di un unico fondo di Garanzia a sostegno delle famiglie e per agevolare l’accesso al credito per le piccole e medie imprese;

· Anticipo indennità di disoccupazione o di cassa integrazione anche attraverso i prestiti d’onore, per le persone che non possono godere degli ammortizzatori sociali;

· Accordi con la Grande Distribuzione per introdurre un sostegno al consumo per le famiglie in difficoltà, praticando sconti aggiuntivi per la quarta settimana del mese;

· Incremento dotazioni di AFOL per le attività formative per la riconversione dei lavoratori che perdono il posto di lavoro o che sono in CIG a zero ore;

· Accelerazione degli investimenti per la realizzazione delle opere pubbliche di competenza provinciale quali strade, scuole, edifici pubblici, metrotramvia Milano-Desio-Seregno;

· Introduzione di incentivi per la realizzazione di interventi di risparmio energetico e di uso delle fonti energetiche rinnovabili sulle abitazioni esistenti;

· Pressione su Governo e Regione Lombardia affinché provvedano a finanziare la realizzazione della rete di banda larga al fine di potenziare, come gli altri paesi europei, la rete informatica regionale e nazionale;

· Sostegno alle Associazioni che offrono servizi per assistere persone e famiglie in povertà;

· Coordinamento dei Comuni della Provincia per la ricognizione trimestrale della situazione socio-occupazionale del territorio provinciale;

· Promozione dei Distretti per il legno e la meccanica per favorire le sinergie tra le piccole aziende in modo che possano meglio affrontare il mercato globale;

· Promozione della costituzione di Poli tecnologici con lo scopo di sostenere le ricerca, l’innovazione e lo sviluppo delle imprese esistenti e di nuove imprese nei settori dell’hi tech.

 

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?