Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

utenti_067Un sole particolarmente radioso e caldo, inaspettato anticipo dell’estate,  ha salutato l’edizione 2011 de “Il festival in piazza”. Sabato 9 aprile è stato di sicuro un pomeriggio ricco di proposte,  interamente dedicato  alle famiglie e ai più piccoli.

La manifestazione (organizzata da Comunità Brianza – Gruppo infanzia famiglie e patrocinata dal Comune di Monza) colorata e partecipata, collocata all’interno del Festival delle Famiglie,  ha visto numerosi momenti di gioco a cura delle principali realtà culturali e di volontariato della Città, presenti in Piazza Trento e Trieste con stand informativi.

Ascolto e partecipazione: questi  i due termini più rappresentati dalle numerose  Associazioni che hanno animato la piazza per tutto il pomeriggio.  Un programma ricco di iniziative, soprattutto dedicate alla prima infanzia. Spazi informativi e di relax per le mamme in dolce attesa, personale qualificato nella gestione del neonato e del lattante, a disposizione per rispondere adeguatamente a dubbi e domande.  Per i  più piccoli sono stati allestiti numerosi  giochi  in grado di stimolare la conoscenza sensoriale e il riconoscimento delle emozioni, mentre ai più grandicelli sono stati riservati percorsi in bicicletta per apprendere, divertendosi, l’educazione e la sicurezza stradale.

utenti_062Una famiglia, tante famiglie il motto dell’iniziativa: uno spazio protetto e ricco di stimoli educativi per una proposta vincente, capace di coniugare informazione e momenti ludici. Soddisfatto l'Assessore ai Servizi Sociali e alla Famiglia Pierfranco Maffè per un’iniziativa importante dedicata alle famiglie e a tutta la città di Monza, attenta alle esigenze dei più piccoli e dei loro genitori.

Un’iniziativa giovane e costruttiva, che in pochi anni ha visto aumentare esponenzialmente l’interesse e la partecipazione, assicurandosi, così, un radioso futuro!

Tante le famiglie presenti in piazza che hanno saputo approfittare dell’occasione …. non  numerosissimi, invece, i bambini, frenati, forse, dall’eccessivo caldo di una primavera che pare aver lasciato in gran fretta posto al calore dell’ estate.

...o piuttosto sintomo inequivocabile di una società che tende inesorabilmente ad invecchiare?

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?