Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

UNA GIORNATA SENZA IMMIGRATI

Scarica il programma

Proviamo ad immaginare ...una giornata senza immigrati, senza di NOI

4,4 milioni di immigrati in meno che ogni giorno lavorano, studiano e pagano le tasse.


... in crisi l’economia e le fabbriche, bloccati i cantieri e le fonderie (il 50% dei lavoratori), fermi i ristoranti, le pizzerie, gli alberghi..., deserti i campi di raccolta dei pomodori del sud e le fattorie negli alpeggi del Nord... in ansia migliaia di famiglie per i loro anziani (70% delle badanti e del personale case di riposo), in difficoltà gli ospedali (10% degli infermieri)...

Molti nostri concittadini pensano invece che...
• gli immigrati hanno invaso l’Italia, ci portano via: lavoro, case, perfino le donne;
• gli immigrati sono criminali e ignoranti; c’è un pericolo “mussulmano” che incombe;
• gli immigrati si curano a nostre spese e impediscano con la loro presenza una buona
scuola ai nostri bambini.

IN REALTA':

• gli immigrati presenti nel nostro paese sono solo il 5,8% contro l’11% della Spagna e l’8% della Germania;

• sono di diverse nazionalità (la maggioranza proveniente dall’UE, dal’Est, dai paesi arabi; a seguire dai paesi asiatici e sudamericani);

• sono persone che lavorano (92%), creano imprese (240 mila aziende), hanno un titolo di studio elevato
(43% diplomati e 10,2% laureati);

• i loro bambini studiano (sono il 7% della popolazione scolastica, 628 mila studenti di cui ben 220 mila sono nati in Italia);

• professano diverse religioni (2 milioni di confessione cristiana, dei quali 800 mila cattolici; 1,2 milioni mussulmani); sono gli italiani a sposare donne straniere (l’80% dei matrimoni misti)

• gli immigrati contribuiscono alla crescita economica (9,1 del PIL), pagano le tasse (3,2 miliardi di Euro) e contribuiscono al fondo pensioni (4% del totale) in compenso: a chi risiede da decenni in Italia non vengono riconosciuti i “diritti di cittadinanza” e per avere un permesso di soggiorno attendono 290
giorni contro i 20 previsti dalla legge.

• i cosiddetti “irregolari” (senza permesso di soggiorno) diminuiscono (da 650 mila a 420 mila). Sono considerati “irregolari” anche coloro che facciamo lavorare in nero. Gli arrivi nel nostro paese sono per il 90% con  il visto turistico e solo il 10% con i famosi barconi.

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?