Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

Dai vertici del partito la solidarietà per l'accaduto.

immagine documento “Un gesto inqualificabile che va fermamente condannato”.
Così il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ha commentato l’episodio di violenza di cui è stato vittima il presidente del Consiglio a Milano alla fine di un comizio, quando è stato colpito al volto da un folle con una riproduzione souvenir del Duomo di Milano.

Un lancio tra la folla da pochi metri ed ecco che inizia a perdere sangue tra labbra e naso. L'aggressore è Massimo Tartaglia, 42 anni, dell’hinterland milanese, finora sconosciuto alla Digos, ma noto da anni al reparto psichiatrico del Policlinico.

“Al Presidente Berlusconi la mia personale solidarietà e quella del Pd per l'aggressione subita questa sera al termine del suo discorso a Milano. Il Pd rifiuta e condanna ogni forma di violenza, anche politica, e resta fermamente
ancorato ai valori delle libertà costituzionali” ha dichiarato la presidente dell’Assemblea nazionale del Pd, Rosy Bindi.

La presidente del gruppo Pd al Senato, Anna Finocchiaro ha ribadito come "non è in nessun modo accettabile che qualsiasi forma di contestazione arrivi alla violenza fisica. Non c’è dialettica politica che motivi una aggressione. Alla violenza in modo assoluto diciamo sempre no”.

Di un gesto violento da stigmatizzare parla Enrico Letta, vicesegretario del PD: "Riteniamo assolutamente disdicevole e grave queste forme anche violente di contestazione. Quanto al discorso, ci aspettavamo che invece di concentrarsi sul centrosinistra, il presidente del Consiglio dicesse cosa il governo ha intenzione di fare per uscire dall’impasse nel quale si trova e nel quale tiene il Paese. Il discorso di Milano invece, oltre ai rituali insulti all’opposizione e ai principali organi costituzionali, che respingiamo con sdegno, non ha detto nulla sul futuro del governo. E’ la dimostrazione di un Berlusconi al capolinea delle idee. Avevamo l’impressione che le avesse esaurite e che si limitasse ad un’azione puramente interdittiva. Ne abbiamo avuto la conferma stasera”.

E anche Stefano Di Traglia, responsabile Comunicazione di partito del PD, esprimeva "la più netta condanna per quanto accaduto. Il confronto politico, seppur aspro, non deve mai travalicare i confini della civiltà”.

La solidarietà è stata espressa anche da David Sassoli a nome della delegazione del PD al Parlamento europeo, dalla vicepresidente del PD Marina Sereni, mentre Walter Veltroni ha parlato con il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta esprimendo la propria solidarietà per l'aggressione, "un atto violento ed inqualificabile. E’ da mesi che cerco di richiamare l’attenzione sul clima di odio che in questo Paese rischia di degenerare in violenza. Tutte le forze democratiche devono evitare che questo accada".

E Piero Fassino auspica che, affinché la vita politica non sia inquinata dalla violenza, "è responsabilità sia di chi sta in maggioranza sia di chi sta all’opposizione impegnarsi per abbassare la temperatura e per restituire alla politica e alle sue idee civiltà e rispetto”.

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?