lamperti palestraCosa succede in città e nel mondo politico monzese? Ve lo raccontiamo qui. Ecco la settimana in pillole. Buona lettura.

Nuova palestra a San Fruttuoso? L'opinione di Marco Lamperti

La questione della nuova palestra di San Fruttuoso da realizzare su aree libere è solo un'operazione di distrazione: è un trucco dell'Amministrazione comunale per far accettare il maxipiano di via Ticino con le 3 torri che, guarda caso, prevede anche un nuovo impianto sportivo.

Come Amministrazione sollevo una bella polemica sulla nuova palestra indicando come luoghi su cui realizzarla due aree verdi, usate e apprezzate dal quartiere come quelle in via Valosa di Sotto e Ticino angolo Taccona e pure in contrasto con i principi di consumo di suolo del Pgt. Tutti si oppongono e allora presento l'alternativa che risolve tutto: la nuova palestra si fa nell'area dismessa di via Ticino, una struttura sportiva per il quartiere prevista nel progetto già da più di un anno che però è legata al piano con le 3 torri.

Se il comune non indica entro 6 mesi il luogo dove costruirla, quei soldi vengono incassati, quindi non si perde nulla. Non sono un esperto, ma 533mila euro per costruire una nuova palestra polisportiva sembrano pochi, come se fin dall'inizio si sapesse che non sarebbero stati usati per quello. E inoltre le due aree verdi proposte dal Comune non sono idonee, entrambe classificate dal Pgt come destinate alla conservazione di suolo libero. Non hanno il coraggio di portare avanti la loro idea di città e prendono in giro i cittadini, che però ci avevano visto lungo. (Marco Lamperti)

Le politiche giovanili secondo Arena

Il caustico commento del nostro responsabile comunicazione Shawn Guidi sulle ultime dell'assessore Arena
“Incontro tra assessori alle politiche giovanili dei capoluoghi italiani con il Ministro Dadone, il nostro mitico assessore #Arena ha detto di aver “portato la nostra esperienza monzese”, è una minaccia o una battuta?

Io mi chiedo davvero con che faccia si possano dire certe cose, l’esperienza monzese nelle politiche giovanili denota non solo una forte mancanza di ascolto del territorio, ma dimostra a pieno anche la totale immobilità della giunta #Allevi. A Monza le nuove generazioni sono abbandonate a sè stesse e vengono citate (come anche nell’ultimo post di Arena) solamente quando si parla di tossicodipendenza, trattando per giunta il tema con una superficialità imbarazzante.

E voi? La percepite la grande esperienza monzese nelle politiche giovanili? Io ho quasi i brividi”.

 

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?