Seguici su: Facebook  Instagram  YouTube

La notizia si può anche considerarla datata, ma la preoccupazione è, o dovrebbe essere, attuale.

 

Faccio riferimento alle voci, sempre più ricorrenti, che dicono che la sede cittadina dell’INPS, attualmente definita sede sub-provinciale, diventerà una semplice sede zonale di supporto a quella provinciale di Milano.

Tutto ciò in conseguenza di una determina, assunta a fine 2008 dai vertici dell’Istituto, che ridefinisce l’assetto organizzativo e prevede lo spostamento del cosiddetto back office a Milano, chiusura dell’ufficio medico, di quello legale e dell’ispettorato con conseguente trasferimento di 30/40 operatori attualmente in servizio nella sede di Monza.

Se quanto premesso dovesse diventare operativo i disabili, gli invalidi, gli infortunati, pensionati con handicap gravi, affetti di malattie professionali dovranno andare a Milano per espletare gli accertamenti necessari.

Non solo, ma è probabile, che anche le circa 40 mila aziende di commercianti ed artigiani di Monza e Brianza dovranno prepararsi a fare questi “ viaggi di lavoro” a Milano.

Il direttore della sede milanese dell’INPS dichiara che la delibera, da cui tutto trae origine, non impone all’INPS di aprire sedi provinciali nelle nuove Province.

Per cui saremmo al grottesco: Monza, prima di diventare Provincia aveva la sua sede sub-provinciale, Monza Provincia rischia di perderla!

Non c’è che dire: un bel “pacco dono” per i cittadini della nuova provincia MB!

Cominciamo…bene, verrebbe da dire.

Carmine Bubba

Scarica l'interpellanza completa

1800 Caratteri rimanenti


Utilizziamo i cookie per migliorare l'utilizzo del sito. Se continui a leggere dichiari di aver capito. Va bene?